Silvio in love, Portofino e quella bianca mano: il senso di Veronica per il patrimonio

Scritto da: -

silvio9.jpg

Non facciamo i puritani, è la moda dell'estate. I rotocalchi vivono di rotondità esibite con disinvoltura sotto il solleone e la politica gossippara de noantri ha offerto sinora la Santanchè medusa, Casini in palestra e un insolito focosissimo Fini a fianco della sua Elisabetta Tulliani. Poca roba, direte voi, e a parte Fini nessuno scatto che influisse sulla politica dei mesi a venire.

Poi, la svolta. Protagonista incontrastato è sempre lui, il re degli effetti speciali, Silvio da Arcore. Smaltite - ma non troppo- le missive dell'anno scorso a Repubblica, le dichiarazioni d'amore alla Carfagna e l'harem in copertina su Oggi, il 2008 non si era aperto nel migliore dei modi per la coppia presidenziale. Ricordate i biglietti in carta intestata a Montecitorio e le ultime telefonate a Saccà per le attrici di fiction? Bene, pare che Veronica non abbia ancora smaltito.

Pochi giorni fa circolavano voci di imminenete separazione: sembrava che Mrs. Lario avesse già avvertito i suoi avvocati per intervenire sulla spartizione del patrimonio tra figli di primo e secondo letto. Niente 50-50, Veronica voleva quote identiche per ogni discendente. Poi arrivò il compleanno della di lui signora, e la famiglia allargata corse a Villa Certosa. I commenti melensi di Bonaiuti si sprecarono per stemperare la tensione familiare e dissipare i dubbi della stampa. Che continuavano a reggere.

silvio1.jpg silvio2.jpg silvio3.jpg silvio4.jpg

silvio5.jpg silvio6.jpg silvio7.jpg silvio8.jpg

Fase numero due. Se Villa Certosa non è abbastanza, dunque, andiamo a Portofino. E così fu. Veronica e Silvio in love, scrivono i giornali, mentre camminano mano nella mano per le vie della cittadina di mare. Insieme a loro Marina con figlie e marito, poi Pier Silvio con Silvia Toffanin. Tutti insieme appassionatamente e le mani della coppia presidenziale incollate.

Veronica imbolsita e seria è fasciata da un completo tutt'altro che sobrio; forse non strappona ma volgare sì. E il Cav. all in black non si fa sfuggire quella bianca mano, la agguanta stretta e saluta i fotografi. Sperando che porti fortuna alla carriera politica e al pingue patrimonio.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!