Governo Monti: si va verso un esecutivo dal profilo tecnico

Scritto da: -

Si va verso un esecutivo dal profilo tecnico. Nel post i commenti a caldo dei politici, da Berlusconi a Bersani e Di Pietro.

monti_mario_adn-400x300.jpg

Con il voto sulla Legge di Stabilità che si svolgerà oggi venerdì 11 novembre, si avvicinano le dimissioni di Silvio Berlusconi.

Tuttavia, il Pdl non sembra voler mollare il colpo e neanche Silvio Berlusconi che, pur ribadendo il suo appoggio a Monti, ha espresso la volontà di avere voce in capitolo sulla formazione del nuovo governo, in virtù dei suoi 128 senatori che gli consentono ancora di svolgere un ruolo determinante nelle votazioni.

E del resto - avrebbe commentato il premier -  sarebbe impensabile votare misure come la patrimoniale contro cui mi sono battuto per 17 anni, per tutta la mia carriera politica. 

Spunta, inoltre, tra le fila del Pdl, l’ipotesi di un appoggio esterno ad un eventuale governo Monti. 

Chi sembra avere, invece, idee chiare sui cambiamenti politici in atto è Bersani, che per il Paese vede un esecutivo con “un forte profilo tecnico” e che nel corso di Mattino 5 lancia un appello a Di Pietro:

“Ognuno si deve prendere le sue responsabilità: spero che Di Pietro possa ripensarci perchè prima viene l’Italia poi le alleanze e la politica”. 

Antonio Di Pietro, infatti, ospite telefonico della trasmissione condotta da Maurizio Belpietro, ha commentato:

“Non entreremo in un esecutivo tecnico, che in realtà è politico”.

Per il leader dell Idv le elezioni sono la soluzione al problema di credibilità del Paese davanti ai mercati finanziari.

Qui l’audio della telefonata fra Di Pietro e Belpietro:

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!