Umberto Bossi tuona: "Berlusconi sta con i comunisti"

Scritto da: -

Alleanza definitivamente archiviata per Berlusconi e Bossi? Sembrerebbe di sì, soprattutto ora che il Senatùr dà del "comunista" al Cavaliere.

bossi_berlusconi_amici.jpg

Sono finiti i bei tempi in cui Umberto Bossi andava a braccetto con Silvio Berlusconi e i compagni del Pdl, sventolando la bandiera dell’alleanza.

L’amore, la pace, la partnership politica è svanita con la fine del governo Berlusconi, cancellata dal governo tecnico di Mario Monti.

Il Senatùr non ha usato mezzi termini: per lui, l’ex amico, il Cavaliere, si è schierato dalla parte sbagliata, perché ora “sta con i comunisti”, un atteggiamento, questo, che rende inevitabile la rottura, al punto tale che l’incontro previsto tra i due “è stato sospeso” - spiega Bossi - “perché non sono i tempi per farlo, sono tempi per aspettare”.

Al Carroccio, questo Governo proprio non va giù, soprattutto ora che sono state rivelate le misure della manovra finanzaria che - attacca Bossi - “divide già chi l’ha fatta e porterà casini. E comunque chi l’ha fatta è cattivo, perchè tocca le pensioni, i vecchietti”.

Il leader della Lega dorme, però, sonni tranquilli, in quanto si dice sicuro del fallimento imminente della squadra capitanata da Mario Monti:

“Il governo andrà a picco e va bene. Lo ha messo in piedi il Presidente della Repubblica che dovrà prendersi la responsabilità di aver sciolto un governo legittimamente eletto. Questo commissario di origine europea e bancaria ha fatto un governo dei banchieri”.

In tutto questo marasma, inoltre, - sempre secondo Bossi - chi avrà la meglio sarà la Padania perché “la guerra l’ha persa l’Italia e l’ha vinta la Padania, il resto sono tutte cazzate” e va oltre: “la Padania si farà la sua moneta, mica può continuare a mantenere tutti questi farabutti”.

LINK UTILI:

Bossi attacca il Governo Monti: “Fa schifo” 

Ufficiale: Napolitano ha conferito l’incarico, Monti accetta con riserva

Secessione, Berlusconi a Bossi: “L’Italia c’è e ci sarà sempre”

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!