Minigonne e abiti sexy: Pd nella bufera per una festa in discoteca

Scritto da: -

Donne con minigonne inguinali senza nulla sotto, alcol e tutto il gotha del Pd campano presente alla festa.

people_scandalo.png

Minigonne, baci soffiati dal palmo della mano: lo scorso 3 febbraio in una discoteca di Agnano, in provincia di Napoli, va in scena quella che è stata definita una festa tamarra e che ora imbarazza il Partito Democratico. L’occasione? Il lancio del programma People, in onda sulla tv locale Julie Italia, condotto da Lorenzo Crea, giornalista e figlio del presidente del Pd campano, Maria Grazia Pagano.

Ci sono tanti politici in discoteca. Scorre l’alcol. “Cafonal” di Dagospia riprende i balli, sottolineando proprio come in quella giornata fosse andata quasi deserta la manifestazione anti-camorra a Scampia, organizzata dalla deputata Pd Pina Picierno. “Finalmente un po’ di gnocca sana e Democratica sotto ‘o Vesuvio: altro che OccupyScampia! Il Pd venerdì scorso aveva di meglio da fare”.

Tra gli altri, era presente il responsabile Giustizia del Pd Andrea Orlando, “pallidissimo dopo il freddo preso a Scampia, c’erano il segretario regionale Enzo Amendola, il capogruppo regionale Peppe Russo, decine di giovani democratici e, ospite d’onore, nientemeno che il governatore della Campania Stefano Caldoro, sempre più a suo agio tra i sinistrati che tra i suoi alleati per mancanza di prove del Pdl”.

Insomma, sui Democratici è stata bufera. Il sito dell’Espresso non ha risparmiato nessuno: “Tutti alla festa trash”. E orrore per l’immagine offerta da “ragazze che posano per siti “d’incontri”, presenti alla serata con minigonne cortissime e senza niente sotto. Una festa sponsorizzata da una bevanda erotica, come se non bastasse. 

“No: le immagini del responsabile giustizia del Pd che festeggia in una discoteca napoletana durante un party ad alto tasso di trash erotico - tra decine di ragazze tacco 12 e minigonne inguinali senza niente sotto - non sono piaciute a Pier Luigi Bersani. Inopportune, almeno nelle stesse ore in cui il Paese, sull’orlo di una crisi finanziaria, soccombeva sotto una bufera di neve. E mentre a meno di due chilometri di distanza si celebrava OccupyScampia, la mobilitazione lanciata via Twitter proprio da una deputata pd, Pina Picierno”. Orlando, bacchettato pubblicamente, non ha potuto che difendersi: “Ma io son passato alla sfuggita. E prima che iniziassero a ballare, me ne sono andato con Caldoro. Guardando poi le foto, ho pensato di aver fatto un errore di valutazione ad andarci. Però, non ho fatto niente di male. Sì, ho visto un po’ di addobbi sopra le righe, ma tipici delle feste in discoteca che comunque non ho l’abitudine di frequentare”.  

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!