Nichi Vendola indagato: l'accusa è di concorso in abuso d'ufficio

Scritto da: -

Nichi Vendola è stato indagato per concorso in abuso d'ufficio. Nel post gli ultimi aggiornamenti.

vendola-nichi-indagato-infophoto.jpg

Non c’è tregua per i nostri politici, e poco importa che siano di destra o di sinistra. Dopo la Margherita e la Lega, ora a tremare è il Sel di Nichi Vendola.

Il Governatore della Puglia è indagato per concorso in abuso d’ufficio, relativamente alle indagini sulla sanità pugliese.

La vicenda dovrebbe essere legata al concorso per la nomina a primario di Paolo Sardelli all’ospedale San Paolo di Bari. 

A tirare in ballo Vendola - informa Repubblica - è un memoriale di Lady Asl, Lea Cosentino, ex direttore generale dell’Azienda sanitaria di Bari.

A comunciare alla stampa la notizia nel corso di una conferenza stampa convocata d’urgenza è stato lo stesso Vendola:

“Mi dichiaro assolutamente sereno, come sempre in passato. Perché ogni mia azione è stata sempre improntata a garantire la trasparenza. Questa mattina ho ricevuto dalle mani di alcuni finanzieri l’avviso di conclusione delle indagini su un filone d’inchiesta che riguarda il concorso per primario di chirurgia toracica nell’ospedale San Paolo di Bari che è stato vinto dal professore Paolo Sardelli e mi si addebita di aver favorito la sua nomina. Questa accusa nasce soltanto dalle dichiarazioni di Lea Cosentino che asserisce che all’origine di questa mia interferenza ci sarebbe la mia amicizia con Sardelli elemento già da questi smentito mesi fa”. 

LINK UTILI

Pd in Puglia, Vendola risponde alla guerra su YouTube.

Ripa contro Vendola attacco omofobo: scatta la polemica su Facebook.

Vota l'articolo:
3.75 su 5.00 basato su 4 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Politicaesocieta.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano