1 maggio 2012, Napolitano: "Momento duro per l'Italia"

Scritto da: -

Quello di quest'anno sarà un Primo maggio duro, per colpa della crisi. Lo hanno ammesso i nostri politici, dal Capo dello Stato al ministro del Lavoro.

napolitano-1maggio-infophoto1.jpg

E’ un Primo maggio da dimenticare quello di quest’anno, con il lavoro che manca, i suicidi provocati dalla crisi, i tentativi di risanamento, i conflitti sociali.

Un Primo maggio difficile, come hanno ribadito i nostri politici, a partire dal Capo dello Stato (Foto Infophoto) che nel suo discorso del Primo maggio ha dichiarato:

“È un presente duro quello che l’Italia sta vivendo. L’Italia è in recessione senza aver recuperato il terreno perduto nella crisi globale 2008-2009. Ora l’imperativo è la crescita per i giovani”.

Quei giovani che - come ricordiamo su Economia e Finanza 2.0 - o non hanno lavoro o si arrabattano tra un lavoretto e l’altro, costretti a dipendere da mamma e papà, rivestendo loro malgrado il ruolo di “bamboccioni” o “sfigati”.

E lo sa - almeno a parole - anche il ministro del Lavoro Elsa Fornero che durante la trasmissione radiofonica Radio Anch’io ha dichiarato:

“Non è un bel primo maggio sia per l’assenza di lavoro che è un grandissimo problema, ma anche per gli incidenti sul lavoro, gli ultimi due accaduti. Non è un bel primo maggio, dobbiamo riflettere sulle ragioni di questa crisi, dobbiamo soprattutto agire”.

LINK UTILI:

1 maggio 2012, (s)concerto in piazza

Crisi Grecia: è l’Italia di domani? Il documentario di Mauro Merlino

1 maggio 2012: la festa dei lavoratori quando il lavoro non c’è

1° maggio 2012: a Madrid manifestazione sottotono, troppi disoccupati

Crisi economica e fallimenti record: nel 2011 16.615 aziende chiuse e sempre più suicidi

Spagna, sciopero generale contro disoccupazione e riforma del lavoro

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 1 voti.