Fornero sfiducia: respinta la mozione di Lega e Idv

Scritto da: -

La Camera ha rifiutato la mozione di sfiducia di Lega e Idv contro il ministro Elsa Fornero.

elsafornero-sfiducia-infophoto.jpg

La Camera ha bocciato la mozione di fiducia, presentata da Idv e Lega, al ministro del Welfare Elsa Fornero.

I voti a favore sono stati 88, 435 i contrari, 18 gli astenuti. Cinque deputati del Pdl hanno votato sì alla sfiducia; il Pdl è il partito che conta più assenti ed astenuti sulla mozione (31 non hanno partecipato al voto, 9 erano in missione e 16 si sono astenuti). Nel Pd 19 erano i deputati che non hanno partecipato al voto ma 5 sono i deputati assenti non giustificati. I 5 deputati del Pdl che hanno votato sì sono: Cirielli, Miserotti, Mussolini, Pili, Rampelli. Ai 31 assenti del Pdl si uniscono 10 deputati di Pt mentre nel Pd i cinque deputati che non hanno partecipato al voto sono Boccuzzi, Esposito, Niecchi, Codurelli, Rossa.

Elsa Fornero sollevata ha commentato:

“Mi ha creato sofferenza, però lo abbiamo superato e ora continuerò a lavorare come prima”.

Ma perché questa mozione di sfiducia? Spiega il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro:

“Il ministro ha commesso un imbroglio gravissimo affermando il falso mentendo sapendo di mentire. Il ministro ha mentito sul numero degli esodati: sapeva che il dato da lei riferito era falso e lo ha fornito comunque”. 

Di Pietro ha poi fatto cenno all‘”arroganza del ministro nel violare l’articolo 1 della Costituzione (ndr. l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro) è gravemente offensivo per gli italiani. Con arroganza e supponenza ha violato la Costituzione. Chiediamo la sfiducia per i suoi atti e comportamenti individuali che non meritano di essere rappresentati in questa Aula. Come fa un ministro in carica a dire che il sommerso, ovvero una illegalità, è un rischio che la sua riforma può determinare ricorda quel ministro della prima repubblica che diceva che la mafia era un rischio con cui bisognava convivere”.

Meno strutturata la spiegazione di Giampaolo Dozzo, capogruppo della Lega

“In quest’aula il ministro Fornero non gode di alcuna stima, considerazione e fiducia. Non è il ministro del Lavoro ma della disoccupazione. Lei non può fare a meno della propria sedia, ma il Paese può fare benissimo a meno di lei”.

LINK UTILI

Elsa Fornero piange durante la presentazione della Manovra finanziaria: ecco il video.

Lega sbotta: “Lavoro non è un diritto? La Fornero ha giurato su Topolino?”.

Vota l'articolo:
3.93 su 5.00 basato su 30 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Politicaesocieta.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano