Trattativa Stato-mafia: "Il Presidente non è ricattabile", la reazione del Colle

Scritto da: -

Ancora polemiche sulla trattativa Stato-mafia e le intercettazioni che vedono coinvolto Giorgio Napolitano

napolitano-ricattabile-infophoto.jpg

Il dibattito sulla trattativa Stato-mafia è al suo apice, dopo che Panorama ha pubblicato la ricostruzione delle conversazioni tra Nicola Mancino e Giorgio Napolitano. (Foto Infophoto)

Una pubblicazione che non piace neanche a uno dei protagonisti del caso, il magistrato Antonio Ingroia secondo cui - riporta Internet e Politica -  “…quello di Panorama è un ricatto ai danni del Presidente della Repubblica”.

Non si è fatta attendere la reazione del Colle, che in una nota stampa fa sapere:

La “campagna di insinuazioni e sospetti” nei confronti del Presidente della Repubblica ha raggiunto un nuovo apice con il clamoroso tentativo di alcuni periodici e quotidiani di spacciare come veritiere alcune presunte ricostruzioni delle conversazioni intercettate tra il Capo dello Stato e il senatore Mancino. Alle tante manipolazioni si aggiungono, così, autentici falsi. 

Il Presidente, che non ha nulla da nascondere ma valori di libertà e regole di garanzia da far valere, ha chiesto alla Corte costituzionale di pronunciarsi in termini di principio sul tema di possibili intercettazioni dirette o indirette di suoi colloqui telefonici, e ne attende serenamente la pronuncia. 
Quel che sta avvenendo, del resto, conferma l’assoluta obbiettività e correttezza della scelta compiuta dal Presidente della Repubblica di ricorrere alla Corte costituzionale a tutela non della sua persona ma delle prerogative proprie dell’istituzione. 

Risibile perciò è la pretesa, da qualsiasi parte provenga, di poter “ricattare” il Capo dello Stato. Resta ferma la determinazione del Presidente Napolitano di tener fede ai suoi doveri costituzionali. A chiunque abbia a cuore la difesa del corretto svolgimento della vita democratica spetta respingere ogni torbida manovra destabilizzante.

In soldoni, il concetto è che il Presidente della Repubblica non è ricattabile.

A difendere Napolitano è intervenuto anche il premier Mario Monti che, nel corso di un colloquio telefonico, gli ha espresso “la piena e profonda solidarietà sua personale e dell’intero Governo, di fronte alle inaccettabili insinuazioni comparse sulla stampa”, - recita la nota stampa di Palazzo Chigi che prosegue:

Si è di fronte con tutta evidenza ad uno strumentale attacco contro la Personalità che costituisce il riferimento essenziale e più autorevole per tutte le istituzioni e i cittadini.

Ci si deve opporre ad ogni tentativo di destabilizzazione del Paese, inteso a minare in radice la sua credibilità. Il Paese saprà reagire a difesa dei valori costituzionali incarnati in modo esemplare dal Presidente Napolitano e dal suo impegno instancabile al servizio esclusivo della Nazione e del suo prestigio nella comunità internazionale.

LINK UTILI

Telefonate Napolitano-Mancino su Panorama: per il Quirinale “Risibile ricatto e autentici falsi!”.

Intercettazioni Napolitano: Panorama pubblica la ricostruzione. Contengono “Insulti a Berlusconi”? 

Trattativa Stato-mafia: su Napolitano continua la polemica tra Repubblica e Il Fatto Quotidiano.

Trattativa Stato-mafia: Napolitano contro la Procura di Palermo.

Stato-mafia: firma la petizione online a favore dei magistrati sotto assedio!

Trattativa Stato-mafia: Sabina Guzzanti ci farà un film.

Trattativa Stato-Mafia: lettera dei magistrati al Csm, in difesa di Scarpinato e delle sue parole.

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Politicaesocieta.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano