Renzi carta di credito: aragoste e sushi a spese della provincia, indagine della Corte dei Conti

Scritto da: -

Ecco le spese folli del sindaco di Firenze, su cui sta indagando la Corte dei Conti

matteo-renzi-speseprovincia-infophoto.jpg

Matteo Renzi, “il rottamatore”, il portavoce del cambiamento, potrebbe essere di fatto tale e quale ai vari Lusi, Fiorito e compagnia bella, con tanto di cene cosiddette “di rappresentanza” a base di aragosta e sushi, a spese della Provincia.

Le spese folli del sindaco di Firenze, su cui sta indagando la Corte dei Conti, sono state scrupolosamente documentate da Il Fatto Quotidiano (consultale in calce al post).

Secondo quanto scritto da Il Fatto, Renzi avrebbe cenato nel 2008 con la carta di Credito della Provincia, di cui era titolare, nei seguenti ristoranti: Trattoria Garibaldi, Nannini Bar, Taverna Bronzino, Ristorante da Lino, pasticceria Capetti, trattoria I due G, Buca dell’Orafo, Ristorante Cibreo, Gilli, il ristorante Sabatini, il ristorante Buca Lapi, la Piazzetta, il Perseus, la cantinetta Antinori ecc.

Renzi avrebbe pranzato, inoltre, al Riva Restaurant on Navy Pier di Chicago consumando: 4 aragoste, 2 sushi, 2 pepsi, una birra e 2 porzioni di gamberi fritti.

Spese che non passano inosservate ma che - si giustifica il  comitato elettorale del “rottamatore” -  “sono spese di tutta la giunta”, anche se in questi ristoranti - puntualizza Il Fatto - le carte di credito usate sono solo quelle intestate a Renzi e quella di Andrea Barducci, ex numero due di Renzi e oggi presidente della Provincia di Firenze.

Il comitato elettorale aggiunge che “il plafond di 10mila euro mensili delle carte di credito del presidente e del vice presidente non è mai stato raggiunto né tantomeno superato” ma c’è un documento, la delibera di liquidazione numero 5393 del 12 novembre 2007, che scrive il contrario:

“Precisato che nel corso della missione istituzionale negli Stati Uniti svoltasi dal 2 all’8 novembre u.s. (…) la carta di credito aziendale (Amministrazione provinciale di Firenze) utilizzata abitualmente dal presidente della Provincia (…) è stata, nel corso della missione, momentaneamente bloccata a garanzia di un pagamento da parte di un Hotel a Boston, rendendo necessario per lo stesso Presidente provvedere a sostenere alcune contingenti spese di rappresentanza, per una somma complessiva di $ 4.106,56 pari ad euro 2.823,64 mediante la propria carta di credito personale”.  

La cifra sarebbe stata poi rimborsata da Renzi dalla Provincia.

LINK UTILI

Matteo Renzi Quelli Che: ecco l’imitazione di Ubaldo Pantani.

Matteo Renzi Adesso: ‘Delusi da Berlusconi? Votate per me!

Matteo Renzi e i dirigenti del PD.

Matteo Renzi primarie PD: “Adesso!”, ecco il nuovo logo.

Vota l'articolo:
3.97 su 5.00 basato su 694 voti.