Situazione in Medio Oriente: ancora assalti alle ambasciate occidentali

Scritto da: -

Ancora agitazioni in Medio Oriente, dopo la diffusione del filmato contro Maometto "Innocence of Muslims" doppiato in arabo

medioriente-caos-infophoto.jpg

E’ caos in Medio Oriente dove migliaia di islamici sono scesi in piazza dopo la messa in rete su YouTube del film irriverente su Maometto. (Foto Infophoto)

Dopo l’attentato di Bengasi che ha provocato la morte dell’ambasciatore Usa Chris Stevens e di altri 3 cittadini americani, ci sono stati svariati assalti alle sedi diplomatiche statunitensi ed europee.

I Paesi che coinvolti dalle agitazioni - informa l’Ansa - sono stati veramente molti. In Iran migliaia di persone si sono radunate a Teheran al grido di “Morte all’America” e ”Morte a Israele”; in Iraq altre migliaia di musulmani hanno sfilato a Bassora scandendo “Non c’è libertà quando si offendono un miliardo di musulmani”.

Ci sono state altre dimostrazioni in Marocco, Mauritania, Kenya e Nigeria - dove le forze di sicurezza hanno mantenuto con decisione il controllo delle situazioni più a rischio -, e anche in Algeria, dove il governo ha vietato e impedito qualunque tipo di assembramento. In Asia, dopo l’Iran la protesta più imponente ha visto diecimila persone in piazza a Dacca, in Bangladesh dove sono state bruciate bandiere americane e israeliane e scanditi slogan rabbiosi contro “gli insulti al nostro grande profeta”. Stessa situazione in Pakistan, a Giakarta in Indonesia o in India, a Madras e in Afghanistan.

La Farnesina per le aree interessate dalle agitazioni ha diramato un avviso che potete leggere sul sito Viaggiaresicuri

Si raccomanda di adottare particolare attenzione e di evitare gli assembramenti, specialmente durante i fine settimana e dopo la preghiera del venerdì, evitando le zone di possibile aggregazione. Particolare cautela si raccomanda per il fine settimana (14 - 15 settembre 2012) in ragione dei noti eventi a Bengasi, evitando abbigliamento che per foggia o simboli (bandiere ecc.) possa essere considerato provocatorio nelle attuali circostanze.

LINK UTILI
Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 1 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Politicaesocieta.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano