Disoccupazione giovanile 2012: l'Europa va a scuola di tedesco

Scritto da: -

Secondo i dati del Goethe Institut nel 2011 la domanda di corsi di lingua tedesca nei paesi dell'Unione più colpiti dalla crisi e dalla disoccupazione è cresciuta fino al 50%.

medium_2488423243.jpg

La soluzione dei giovani europei alla disoccupazione? Imparare il tedesco.

Lo dicono i dati del Goethe-Institut (che promuove la lingua e la cultura tedesca in tutto il mondo). Per sfuggire alla dilagante mancanza di lavoro e sfuggire alla crisi economica in paesi come la Spagna, la Grecia e l’Italia, sempre più persone imparano la lingua tedesca, strumento essenziale per trovare lavoro a Berlino, Francoforte e Dusserldorf. In Grecia la domanda di questi corsi di lingua è aumentata del 50 per cento nel primo trimestre del 2012 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, in Italia del 30 e in Spagna del 35 per cento.

La strategia è chiara. Con una percentuale di disoccupazione che non supera lo 0,3 per cento la Germania è diventata l’America per migliaia di giovani europei. Per questo il governo di Berlino ha creato un sito dedicato agli stranieri che vogliono lavorare nel paese con un vedemecum in cinque passi: dai consigli per la ricerca di un impiego a quelli per trovare un alloggio. Secondo i dati dell’ufficio federale di statistica nel 2011 quasi un milione di persone si sono trasferite in Germania, il 20 per cento in più rispetto al 2010. Gli arrivi dalla Grecia sono stati 24mila (il 90% in più) quelli dalla spagna 21 mila (il 52% in più).

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 7 voti.